Attività Europa

PERCORSO FORMATIVO SULL’EUROPA 2014-’15

PERCORSO SULLE EUROPEE, PRIMAVERA 2014

PERCORSO DI ATTIVITA’ SULL’EUROPA, LIGOSULLO/ERBE’ 2013

L’ Unione Europea sta attraversando un momento difficile della sua storia, forse anche perché se ne parla molto senza saperne abbastanza.

L’Europa dei “piccoli passi”, auspicata nella dichiarazione Schuman del 9 maggio 1950, non ha ancora sviluppato una sensibilità e una partecipazione che crei un senso di cittadinanza comune: è fondamentale, invece, crescere dei cittadini europei coscienti e consapevoli. Le successive attività sono state pensate perché dei ragazzi possano informarsi su questo tema, porsi domande e, chissà, magari trovare anche delle risposte.

  • Capire quanto i ragazzi sanno sull’ argomento 
  • Storia dell’Europa: sapevate che il primo ministro tedesco Adenauer, il trentino De Gasperi e il ministro degli Esteri francese Schuman- padri fondatori dell’Europa- erano tutti e tre nati in territori di frontiera? Cosa mai vorrà dire? 
  • Istituzione europea: non sono le istituzioni a dover attuare in autonomia il cambiamento, ma è anzi l’intera società civile che ogni giorno deve esprimersi e adoperarsi affinché questo avvenga. Ma allora come farsi portatori di interessi della società civile presso le istituzioni? Come muoversi all’ interno dell’Unione Europea? Conoscere la complicata struttura comunitaria è il primo passo per partecipare ad un suo miglioramento. 
  • Appartenenza all’Unione Europea: Pare evidente come ormai l’idea di Stato si stia perdendo esaurendo il suo significato: in molte problematiche i parlamenti dei singoli stati non sono più nelle forze di trovare delle soluzioni concrete e attuabili. Ma allora quale strada si può intraprendere? Di quale Unione Europea abbiamo bisogno? 
  • Identità europea: i nazionalismi hanno quasi cancellato la storia comune dei popoli europei, questa presentazione racconta come sia necessario cambiare prospettiva verso una Europa delle multi-appartenenze 
  • Cosa l’Italia ha imparato dall’ Europa 
  • Cosa l’Europa ha imparato dall’ Italia 
  • Antieuropeismo: Esistono tanti slogan e luoghi comuni tra europeisti e antieuropeisti: per esempio, “uniti nella diversità”, motto dell’UE, è in realtà evidentemente contro l’idea dell’Europa dei mercati e dei burocrati, tuttavia resta un’idea complicata, distante dal singolo cittadino. 
  • Srebrenica: l’UE ha vinto il Nobel per la Pace nel 2012. Ma è vero che per 60 anni non c’è stata guerra nel nostro continente? Nell’estate 1995 sono accadute cose molto gravi appena al di là del mare Adriatico mentre noi eravamo in vacanza. Non è Europa quella?
  • Parte attiva: proviamo a concretizzare nel quotidiano.

Libri consigliati

Più riguardo a Indignatevi!Più riguardo a Discorso sulla servitù volontariaPiù riguardo a Orwell: 1984

Più riguardo a Maschere per un massacro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*