Avremo fatto Repubblica

Migranti e confini, 13: il senso di imminenza che avremo davanti

Oggi non ci sono né tempo né risorse per le fragilità. Come possiamo accoglierle ed accompagnarle se i soldi delle nostre comunità dobbiamo spenderli in sicurezza ed armamenti? Abbiamo scelto che quelle sono le priorità. La gente in eccesso è una devianza, una fragilità usa e getta. Dobbiamo limitarla e concentrarci sul nostro primo obiettivo: quello di tornare a crescere economicamente a suon di PIL e deregulation. In nome di questa droga, siamo disposti a distruggere gli ecosistemi e le culture. In nome di questo nuovo obbligo costituzionale, siamo disposti ad aumentare le diseguaglianze, le disparità di redditto e i tagli ai diritti individuali. In nome di questo idolo, stiamo coltivando la prossima bancarotta fraudolenta ed una crisi umanitaria mondiale in grado di infrangere non solo i muri degli egoismi statali, ma anche quelli di casa nostra.
Che risposte dare a tutto questo? Manca la mediazione culturale e politica; mancano seri percorsi di legalità per non far cadere le persone in mano a trafficanti, a lavoro nero e mafia; manca la capacità di lettura politica di un contesto globale che sta mutando e domanda la creatività di nuovi strumenti.
Da una parte l’assistenzialismo buonista di vecchia maniera, scaduto e ammuffito, sta diventando pericoloso come chi promette e non sa mantenere. Dall’altra parte, l’indifferenza si sta trasformando in fastidio perché è scomodo guardare una fragilità: essa ci infastidisce moltissimo fino ad irritarci. Per allontanare le fragilità dal nostro campo visivo cosa siamo disposti a fare? Marginalizzarla come abbiamo sempre fatto sta diventando sempre più difficile, allora qualcuno propone la sua eliminazione con il muro come se questo fosse un argomento politico e non una forma di neonazismo.
Un senso di imminenza ci circonda, le nuvole di un temporale si intravedono all’orizzonte del nostro quieto vivere. Non è più un tempo ordinario. Ma proprio questo fatto è una possibilità, una bella scommessa, un’occasione imperdibile. Possiamo prendere i luoghi del nostro vivere e renderli centri di ripensamento, di rilettura e di riflessione. Possiamo prendere i nostri luoghi quotidiani, lasciarli invadere dagli esclusi e farne un luogo di sperimentazione creante, di presa di parola e di iniziativa. Possiamo finalmente dare un senso al nostro noioso agire giornaliero: farci mediatori di un passaggio, di una parzialità, farci assemblea di fragilità diffuse. Le nostre associazioni, i nostri movimenti, i centri sociali e le parrocchie, le scuole e i circoli dei pensionati possono diventare protagonisti; possono tessere legami disfatti e costruire competenze dimenticate; possono diventare punto di riferimento culturale e persino politico.
Ma per far questo con il giusto animo, chiediamoci innanzitutto: siamo disposti a rinunciare a qualcosa? Siamo abbastanza generosi? Siamo dissipativi e fecondi oppure siamo gelosi delle idee creative che ci vengono per risolvere i problemi immani che questo tempo difficile ci sta scaricando addosso? Se ci porremo queste domande con impegno lavoreremo sui desideri degli esclusi, sui vuoti e sulle mancanze di un sistema che non funziona più. Se faremo così, un giorno- voltandoci indietro- scoprirermo che avremo adempiuto i nostri doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale; avremo rimosso gli ostacoli, che oggi impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese; avremo fatto Repubblica dai frammenti alla comunità!

Austrofascism

Migranti e confini, 12

The historical period in Austria between 1933 and 1938 is called by many historians “Austrian fascism” or “Austrofascism”. The reason of this name comes basically from two main facts: the breakdown of democracy and the establishment of a dictatorship.

austrofascism

First of all, in order to explain the arise of this “unique-party regime” and his development, we must shortly consider the historical context before 1933. The so called “First Austrian Republic” was founded in 1919, after the I World War. A constituent assembly approved in the same year a Federal Constitution which divided the land into 9 regions (Länder) and established a President, a National Council (Nationalrat) and a Federal Council (Bundesrat). Austria suffered a lot from the economic crisis of 1929 and the central government was constantly struggling with some regions which desired an annexation to Germany. In 1929 there was a first constitutional reform which conferred more power to the central government. Two years later, the foreign minister of Austria signed a protocol with the German government in which they planned to establish a customs union. Although this was never realized, it expressed a common feeling at that time: that of people who wished a political union with Germany.

Austrofascism begins conventionally in 1933, when chancellor Engelbert Dollfuss, on March 4, taking advantage of the simultaneous resignations of the three presidents of the National Council, suspended the Parliament permanently. In spite of the dangerous situation, the president did not dissolve the Parliament to call a general election. This let the leaders of the Christian Social Party (the chancellor’s party) decide to govern by means of the Enabling Law until the opposition parties would have been persuaded to agree to a revision of the constitution. According to the opinion of some historians, Dollfuss was forced to act this way in order to prevent a political coup of the Austrian Nazis (who wanted a political union with Germany and could have been inspired by the achievements of the German Nazis in the same year) and a political coup of the Social Democrats (who could have wished to move up the Nazis). After suspension, Dollfuss declared that the Parliament had abolished itself and that Austria should be a social Christian German state, on a corporative basis and under strong authoritarian leadership. An additional step towards the totalitarian state was made through the termination imposed to the Nazis party and the following declaration of illegality of the Social Democratic party, which happened after a brief civil war.

On the other hand, it was only with the adoption of the new constitution, on May 1, 1934, that Austria became to all intents and purposes what was defined as “essentially an authoritarian regime in fascist guise, a fascist impersonation; at best it was a semi-fascist authoritarian dictatorship.” In the new constitution the “Republic of Austria” was replaced by the “Federal State of Austria”, which was also defined “Christian”, “German” and on a “corporative basis”. The recent constitutional norms conferred tremendous power to the role of the chancellor which was, according to the former text, relatively weak. Besides, administration was centralized and the preponderance of the executive branch became very strong. Meantime temporary tools in the fight against National Socialist terrorism were set up. These provisions were taken with the support of the Italian government, which thought that the Dollfuss regime could have been a good obstacle to the Austrian annexation to Germany.

On July 25, 1934, as a reaction to the measures of the government, the Nazis organized a political coup. The riots were suppressed with difficulty after some days, but chancellor Dollfuss was killed. Kurt Alois von Schuschnigg became the new chancellor, and his government adopted a series of measures which succeeded to reduce unemployment and to raise economic conditions again. On the other hand, the relationship with Germany remained complicated. In April 1935 Italy, France and Great Britain organized a conference in Stresa and declared that they supported the Austrian integrity and
independence. The so called “Stresa Front” did not have a long life indeed. After the Italian invasion of Ethiopia in October 1935, there was a breakage between Italy, on one side, France and Great Britain on the other side. Austria, taking advantage of the situation, did not accept the sanctions imposed on Italy by the League of Nations and signed on March 26, 1936 an agreement with Mussolini’s government and Hungary, establishing a permanent authority of mutual consultation and obliging the states to meet before discussing the “Danubian issue” with third parties. On July 11 of the same year Schuschnigg concluded an important pact with Germany: the two German states undertook not to interfere in the mutual internal affairs and to keep good relationships.

Unfortunately, what should have been a good relationship encountered difficulties when the chancellor evoked, at the beginning of 1937, the possibility for Austria to restore the monarchy. Germany complained, and even the Italian government declared that restoration would have been an outdated and hazardous move. The situation got worse one year later, as a growing number of people hoped for an annexation to Germany and the government acted in the opposite way. This forced the leaders of the two states to meet on February 12, 1938. In that context they took urgent measures necessary to keep confident with the forgoing pact. Schuschnigg undertook to: modify his cabinet and to entrust the role of Minister for the Interior to a delegate of the Nazis, to give amnesty to all political prisoners, and to allow the Austrian Nazis to act legally in the Austrian institutions, respecting the constitution. On the other side, Hitler took the necessary measures to avoid any interference of the German Nazi Party in the internal affairs of Austria. The turning point was on the 9 th of March, as Schuschnigg announced a referendum for an Austria which should have been “free and German”, “independent and social”, “Cristian and unified”. The Austrian Nazis issued the chancellor an ultimatum to modify the text of the referendum and asked the federal president for the replacement of the chancellor. In the evening of March 11, Schuschnigg resigned and the Nazi Arthur Seyss-Inquart, who was designated to hold up the government, appointed himself as chancellor. At the beginning of the following day, he asked Germany to send its troops to Austria. In the evening of the same day Hitler was in Linz, and arrived in Vienna on the 14 th . The previous day an Austrian constitutional law officially proclaimed the annexation to the German “Reich”. Italy did not react, probably because of the large approval, which the annexation received by the Austrian citizens and because of the “Axis alliance” with Germany. Consequently, Hitler sent a telegram to Mussolini expressing his thanks and declaring he would never forget. To give further legitimation to the process, on the 10 th of April a plebiscite was organized. More than 99 % of Germans and Austrians expressed in favor of the unified German Empire, although the question was not presented in an impartial way. Luckily, some courageous citizens stood opposite the Nazi regime, such as Franz Jägerstätter, who was the unique citizen of his town who voted “no” at the referendum and was later killed because he refused to serve in the German army.

The vote indicated the end of the “Austrofascism” and, starting from that moment, Austria would have been known as “Ostmark” until the end of the II World War.

Bibliography:

– Austria, in: Enciclopedia Treccani, Roma 2014.
– BAILER-GALANDA, Brigitte, Austrofascismo e Anschluss: Un “doppio passato” e una “duplice riparazione”?, in: Contemporanea: Rivista di Storia dell’800 e del ‘900, lug.2011, Vol.14 Issue 3, p. 519-525
– EMILIANI Clarice, FRANCIOSA Luchino, FISCHETTI Ugo, RATTI Anna Maria, Austria, in: Enciclopedia Treccani: Appendice I, Roma 1938
– HANISCH, Ernst, Der Lange Schatten des Staates: Österreichische Gesellschaftsgeschichte im 20. Jahrhundert, ed. Ueberreuter, Wien 1994, p. 295-323
– KIRK, Tim, Fascism and Austrofascism, in: BISCHOF Günter, PELINKA Anton, LASSNER Alexander (editors), The Dollfuss/Schuschnigg era in Austria: a reassessment, ed. Transaction Publishers, New Brunswick 2003, p. 10-31
– WOHNOUT, Helmut, A Chancellorial Dictatorship with a “Corporative” Pretext: the Austrian Constitution between 1934 and 1938, in: BISCHOF Günter, PELINKA Anton, LASSNER Alexander (editors), The Dollfuss/Schuschnigg era in Austria: a reassessment, ed. Transaction Publishers, New Brunswick 2003, p. 143-162
– ZAHN, Gordon C., Vocation of Peace, ed. Wipf and Stock Publishers, Eugene 1992, p. 137

Tommaso Bisoffi

Un problema di applicazione di regole

Migranti e confini, 11: rielaborazione europeista da una lezione del professor Tonoletti presso l’Università di Trento

il problema dell'applicazione delle regole in schengenIl tema delle migrazioni ci mette di fronte ad un problema di applicazione di regole: il cosmopolitismo della globalizzazione e le sue diseguaglianze fanno i conti con la giurisdizione territoriale sovrana di Stati nazionali ormai in crisi. I diritti individuali, per i quali i migranti bussano alle nostre porte con disperazione, prevedono una applicazione, una misura ed una riconoscibilità entro dei confini e questi stanno venendo riaffermati in modo collerico dai nostri Stati nazionali. Essi usano la debole apparente sovranità Ue come un capro espiatorio di tutti i loro mali e così, tra muri e legislazioni illegittime, questi Stati stanno tentando di riaffermare attraverso le barriere di frontiera i legami di garanzia alla base del loro senso di esistenza. E’ il loro modo capriccioso ed egoista di difendersi dalle pressioni esterne, che giungono loro dalla globalizzazione. E’ interessante notare come gli Stati non abbiano mosso un muscolo quando erano le multinazionali a pestare la loro sovranità; non appena si è trattato invece di qualche migliaio di povere persone in fuga dalle loro terre si è scelto di dar luogo alla strategia “debole con i forti, forte con i deboli”. In realtà, andrebbe chiarito che l’azione difensiva statale non sarebbe di per sé una pretesa sbagliata: si fonda sulla logica di un necessario equilibrio di esistenza. Se questo mancasse, i diritti dei singoli non avrebbero un contesto sistemico dove essere tutelati. Ma questo tentativo non si è rivolto nella direzione di una creativa lettura dei nuovi contesti globali. Per quella strada, si realizzerebbero e correggerebbero insieme le contraddizioni infantili dentro ai trattati di Dublino e di Schengen. Si è preferita putroppo la via più semplice ed anti-storica: il ripristino dei muri e dei controlli; e così le nostre volontà statali stanno dimostrando di non essere più in grado di leggere l’ambiente che ci circonda preferendo remare contro all’imminenza di un cambiamento ineluttabile. Se ci riflettiamo, siamo in un contesto simile a quello del XIX secolo quando l’abbattimento dei regimi doganali dello Zollverein fu un primo drastico passo verso l’unificazione tedesca. I piccoli Stati della Germania Centrale tremavano perché vedevano all’orizzonte l’abbattimento di quelle garanzie che erano state poste a fondamento della loro essenza dalla Restaurazione del Congresso di Vienna. Oggi quegli Staterelli della Germania Centrale ricordano i nostri Stati impegnati a pretendere di governare l’emergenza profughi con le loro sole forze e i muscoletti di un paio di ridicoli muri. Essi stanno ancora una volta prendendosi in giro come avevano fatto ai tempi della crisi economica: si costringe così una logorata opinione pubblica a ragionare sull’effimera esistenza di un comune confine europeo, che in realtà è ancora tutto da costruire. Negli anni Novanta: tra Maastricht, Schengen ed apertura agli Stati dell’Est, perdemmo l’occasione istituzionale di stabilire chiari strumenti normativi ed una intelligente idea di frontiera comune perché ci mettemmo a filosofeggiare sui nostri singoli egoismi. Questo chiacchiericcio ci ha anestetizzato la coscienza pubblica. Essa infatti non si presenta più all’appello proprio oggi che dovremmo riattivarla nell’immaginare nuovi percorsi di integrazione europea e solidarietà verso il genere umano. Stiamo così crogiolati su noi stessi a maledire una frontiera comune fissata da Schengen, ma di fatto mai esistita, e traiamo le conseguenze sbagliate accusandola dell’immane confusione causata dai nostri Stati, che allora non avevano voluto condividere responsabilità né cooperazione per capire cosa volesse dire buttar via le dogane. Così rassegnati e pericolosamente disincantati, ci limitiamo a rielaborare il vecchio solito abito logoro: la difesa del sacro suolo natio con barriere di carta e filo spinato sui vecchi confini di Stato. Insomma siamo ridicoli come i burocrati del Gran Ducato di Hessen o di Baden, avulsi ormai dal presente e proiettati a piè pari verso il passato. Per non deflagrare come quei piccoli Staterelli, andrebbero finalmente distinti i fini dai mezzi; con quei concetti chiari, potremmo allora risederci al tavolo delle trattative per “costruire” quell’Europa, che finora ci eravamo solo raccontato di avere. A quel punto, avremmo veramente Schengen in un’ottica di relazione interstatale dentro ad un’Europa pienamente sovrana nella sua compiuta sussidiarietà: territori con statuti di autonomia e ministero degli esteri e della finanza a Bruxelles, dove far convogliare le lobbies di mercato per avere la forza e il diritto sovrano di limitarle secondo logiche di welfare. Purtroppo per capire tutto questo, sarà più semplice tagliarsi le mani con del filo spinato piuttosto che rischiare di ferirsi un dito con la carta dei libri e dei documenti dei trattati. La Storia insegna e si ripete.

APPELLO per un’Europa solidale

Migranti e confini, 10

Petition for a Europe of solidarity - solidale“Petition for a Europe of solidarity”

Oggi è festa continentale! La nostra festa continentale, la festa dell’Europa! Cosa sia l’Unione Europea sta sempre più a noi deciderlo. Per questo motivo abbiamo deciso di festeggiare presentando al mondo un appello per un’Europa più solidale nei confronti dei migranti! L’appello è nato da un mese ormai, ma era rimasto nell’incubatrice!

Chi sono i genitori? Urca, sono tantissimi! Ci sono 3 capi scout che, stufi di ascoltare tragiche notizie e stufi di un’associazione che sta in silenzio, decidono di scrivere un appello con l’aiuto di un amico del Centro Astalli. C’è un’assemblea regionale, di quell’associazione che sta in silenzio, che lo approva all’unanimità. C’è un consiglio generale, di quell’associazione che grida sdegnata (ma non stava in silenzio? staVA!), che lo adotta e lo diffonde! Ci sono tante associazioni/realtà che “siamo davvero contenti di poter essere promotori”, “c’era bisogno di un appello così”! Ci sei tu?!

Questi genitori saranno tanti, ma hanno varie caratteristiche in comune. Sono indignati da quello che sentono ogni giorno e dalla risposta che da l’Unione Europea. Sono convinti di dover agire insieme, della necessità di fare comunità per risolvere i problemi, è per questo che l’appello non è “di qualcuno”, ma i promotori sono tanti. Credono che non possano essere trovate soluzioni se non si mettono loro stessi in gioco, se tutti non ci mettiamo in gioco e cambiamo il nostro stile di vita (magari con più commercio equo) e le nostre abitudini (magari ospitando un rifugiato).

Questi genitori saranno tanti, ma se per educare un bambino ci vuole l’intero villaggio, come dicono gli africani, allora siamo sulla buona strada. Se studiare giurisprudenza serve a sentirti dire che l’Unione Europea non esiste, ma solo dei vincoli fra Stati diversi. E se ti dicono che in UE mancano i popoli, allora forse è il caso di prendere questa Europa per mano, nel giorno del suo compleanno. Prenderla per mano, insieme agli altri, come una lupetta, una bambina, che nello stringerti la mano cerca conforto nei momenti di paura, e raccontarle quello in cui crediamo!

Potete LEGGERE l’appello in questa pagina facebook. Potete FIRMARLO attraverso un sito che sarà accessibile entro breve!

Tommaso

Interrogati a suon di sberle

Migranti e confini, 09

Luca Mercalli e don Luigi Ciotti al Trento Film Festival

Luca Mercalli e don Luigi Ciotti al Trento Film Festival

Sabato sera 30 aprile 2016 all’Auditorium Santa Chiara si sono incontrati don Luigi Ciotti e Luca Mercalli e per chi era lì ad ascoltarli si sarà trattato di una sorta di ripasso per la grande verifica, il grande esame da fare ogni giorno: quello sul proprio impegno civile. Occuparsi degli altri vuol dire occuparsi di diritto e di legalità; in buona sostanza, significa anche interessarsi del contesto umano e dell’ambiente. Ecco così un intreccio tra la crisi morale e la crisi ambientale: tutto fa brodo per la ricetta della sofferenza degli esclusi, quei poveri che vivono tra i solchi di una società frammentata che non vuole condividere e fare comunità. Salta fuori l’Enciclica di papa Francesco: Laudato si, e scopriamo che di mezzo c’è anche la nostra crisi personale di uomini di fede e malafede, di cristiani e di bigotti, di atei e miscredenti. Siamo interrogati a suon di sberle dalla nostra cattiva coscienza: ci viene chiesto di prendere dolorosa coscienza; ci viene chiesto di capire come condividere la sofferenza degli altri in dolorosa sofferenza personale; ci viene chiesto di immaginare cosa siamo disposti a perdere. Una fede autentica chiede di coltivare il desiderio di cambiare il mondo. Un amore per la montagna chiede di guardare i suoi ghiacciai. La scienza chiede di guardare i grafici sul surriscaldamento globale: se si sale oltre i due gradi Celsius entro fine secolo: “hic sunt leones”, i profughi climatici saranno non solo i bengalesi, ma anche rovigotti e riminesi. Una corretta informazione domanda di acquisire consapevolezza sul fatto che non si possa tacere se l’80% dei semi sono in mano a 5 sole multinazionali; se 500 milioni di piccoli agricoltori rischiano di perdere la loro terra; se scambiamo il pesce pescato con kili e kili di plastica in mare. “Sora nostra madre Terra ne sustenta e ci governa” diceva un altro Francesco qualche secolo fa: si tratta di trarne le dovute conseguenze facendo piccoli gesti, ascoltando il grido delle culture locali contro l’omogeneità omologante del consumismo di mercato, difendendo quel bene comune chiamato ecologia umana… Possiamo fare di più, di più. Perché? Perchè ci riguarda. Nel 2050, ci saremo ancora e i nostri figli e nipoti ci fisseranno negli occhi chiedendoci cosa abbiamo fatto per evitare certe cose. L’Accordo di Parigi dobbiamo ratificarlo anch noi con un sacrificio giornaliero di essenzialità e sobrietà.