Women are Revolution

In the past, and now more than ever, women have been and are in the front line when it comes to defending, protecting, and saying what is going wrong in our societies. Women have built nations from scratch in the past and are still doing it today, worldwide. Unfortunately, we often do not find any mention of those women in books, not in school and not in university and that is unfair. We (8 brave and young women from different countries: Bosnia, Colombia, Italy, Paraguay, Mexico and Morocco) decided to change that. And the smartest way is writing about those women, that from one way or the other have started a revolution!

Nowadays, we see revolution in volunteer work, we are starting revolution now writing an article, you are participating in a revolution by reading this blog. From where I come there is a phrase “When tyranny is law, revolution is order” (Don Pedro Albizu Campos). Our new revolution is educating and sharing knowledge!

Author: Chiara M. 

Tea lover and huge fan of Murakami, from Italy.

Women are revolution – Maria Skłodowska Curie

maria_s-c_2

Woman, spouse, mother, supporter of Polish independence, scientist and Nobel Prize winner – twice. Maria Skłodowska Curie, a.k.a Madame Curie,was the first woman and scientist to win two Nobel Prizes, one in Physics (1903)  and the second one in Chemistry (1911). Continue reading

Austrofascism

Migranti e confini, 12

The historical period in Austria between 1933 and 1938 is called by many historians “Austrian fascism” or “Austrofascism”. The reason of this name comes basically from two main facts: the breakdown of democracy and the establishment of a dictatorship.

austrofascism

First of all, in order to explain the arise of this “unique-party regime” and his development, we must shortly consider the historical context before 1933. The so called “First Austrian Republic” was founded in 1919, after the I World War. A constituent assembly approved in the same year a Federal Constitution which divided the land into 9 regions (Länder) and established a President, a National Council (Nationalrat) and a Federal Council (Bundesrat). Austria suffered a lot from the economic crisis of 1929 and the central government was constantly struggling with some regions which desired an annexation to Germany. In 1929 there was a first constitutional reform which conferred more power to the central government. Two years later, the foreign minister of Austria signed a protocol with the German government in which they planned to establish a customs union. Although this was never realized, it expressed a common feeling at that time: that of people who wished a political union with Germany.

Austrofascism begins conventionally in 1933, when chancellor Engelbert Dollfuss, on March 4, taking advantage of the simultaneous resignations of the three presidents of the National Council, suspended the Parliament permanently. In spite of the dangerous situation, the president did not dissolve the Parliament to call a general election. This let the leaders of the Christian Social Party (the chancellor’s party) decide to govern by means of the Enabling Law until the opposition parties would have been persuaded to agree to a revision of the constitution. According to the opinion of some historians, Dollfuss was forced to act this way in order to prevent a political coup of the Austrian Nazis (who wanted a political union with Germany and could have been inspired by the achievements of the German Nazis in the same year) and a political coup of the Social Democrats (who could have wished to move up the Nazis). After suspension, Dollfuss declared that the Parliament had abolished itself and that Austria should be a social Christian German state, on a corporative basis and under strong authoritarian leadership. An additional step towards the totalitarian state was made through the termination imposed to the Nazis party and the following declaration of illegality of the Social Democratic party, which happened after a brief civil war.

On the other hand, it was only with the adoption of the new constitution, on May 1, 1934, that Austria became to all intents and purposes what was defined as “essentially an authoritarian regime in fascist guise, a fascist impersonation; at best it was a semi-fascist authoritarian dictatorship.” In the new constitution the “Republic of Austria” was replaced by the “Federal State of Austria”, which was also defined “Christian”, “German” and on a “corporative basis”. The recent constitutional norms conferred tremendous power to the role of the chancellor which was, according to the former text, relatively weak. Besides, administration was centralized and the preponderance of the executive branch became very strong. Meantime temporary tools in the fight against National Socialist terrorism were set up. These provisions were taken with the support of the Italian government, which thought that the Dollfuss regime could have been a good obstacle to the Austrian annexation to Germany.

On July 25, 1934, as a reaction to the measures of the government, the Nazis organized a political coup. The riots were suppressed with difficulty after some days, but chancellor Dollfuss was killed. Kurt Alois von Schuschnigg became the new chancellor, and his government adopted a series of measures which succeeded to reduce unemployment and to raise economic conditions again. On the other hand, the relationship with Germany remained complicated. In April 1935 Italy, France and Great Britain organized a conference in Stresa and declared that they supported the Austrian integrity and
independence. The so called “Stresa Front” did not have a long life indeed. After the Italian invasion of Ethiopia in October 1935, there was a breakage between Italy, on one side, France and Great Britain on the other side. Austria, taking advantage of the situation, did not accept the sanctions imposed on Italy by the League of Nations and signed on March 26, 1936 an agreement with Mussolini’s government and Hungary, establishing a permanent authority of mutual consultation and obliging the states to meet before discussing the “Danubian issue” with third parties. On July 11 of the same year Schuschnigg concluded an important pact with Germany: the two German states undertook not to interfere in the mutual internal affairs and to keep good relationships.

Unfortunately, what should have been a good relationship encountered difficulties when the chancellor evoked, at the beginning of 1937, the possibility for Austria to restore the monarchy. Germany complained, and even the Italian government declared that restoration would have been an outdated and hazardous move. The situation got worse one year later, as a growing number of people hoped for an annexation to Germany and the government acted in the opposite way. This forced the leaders of the two states to meet on February 12, 1938. In that context they took urgent measures necessary to keep confident with the forgoing pact. Schuschnigg undertook to: modify his cabinet and to entrust the role of Minister for the Interior to a delegate of the Nazis, to give amnesty to all political prisoners, and to allow the Austrian Nazis to act legally in the Austrian institutions, respecting the constitution. On the other side, Hitler took the necessary measures to avoid any interference of the German Nazi Party in the internal affairs of Austria. The turning point was on the 9 th of March, as Schuschnigg announced a referendum for an Austria which should have been “free and German”, “independent and social”, “Cristian and unified”. The Austrian Nazis issued the chancellor an ultimatum to modify the text of the referendum and asked the federal president for the replacement of the chancellor. In the evening of March 11, Schuschnigg resigned and the Nazi Arthur Seyss-Inquart, who was designated to hold up the government, appointed himself as chancellor. At the beginning of the following day, he asked Germany to send its troops to Austria. In the evening of the same day Hitler was in Linz, and arrived in Vienna on the 14 th . The previous day an Austrian constitutional law officially proclaimed the annexation to the German “Reich”. Italy did not react, probably because of the large approval, which the annexation received by the Austrian citizens and because of the “Axis alliance” with Germany. Consequently, Hitler sent a telegram to Mussolini expressing his thanks and declaring he would never forget. To give further legitimation to the process, on the 10 th of April a plebiscite was organized. More than 99 % of Germans and Austrians expressed in favor of the unified German Empire, although the question was not presented in an impartial way. Luckily, some courageous citizens stood opposite the Nazi regime, such as Franz Jägerstätter, who was the unique citizen of his town who voted “no” at the referendum and was later killed because he refused to serve in the German army.

The vote indicated the end of the “Austrofascism” and, starting from that moment, Austria would have been known as “Ostmark” until the end of the II World War.

Bibliography:

– Austria, in: Enciclopedia Treccani, Roma 2014.
– BAILER-GALANDA, Brigitte, Austrofascismo e Anschluss: Un “doppio passato” e una “duplice riparazione”?, in: Contemporanea: Rivista di Storia dell’800 e del ‘900, lug.2011, Vol.14 Issue 3, p. 519-525
– EMILIANI Clarice, FRANCIOSA Luchino, FISCHETTI Ugo, RATTI Anna Maria, Austria, in: Enciclopedia Treccani: Appendice I, Roma 1938
– HANISCH, Ernst, Der Lange Schatten des Staates: Österreichische Gesellschaftsgeschichte im 20. Jahrhundert, ed. Ueberreuter, Wien 1994, p. 295-323
– KIRK, Tim, Fascism and Austrofascism, in: BISCHOF Günter, PELINKA Anton, LASSNER Alexander (editors), The Dollfuss/Schuschnigg era in Austria: a reassessment, ed. Transaction Publishers, New Brunswick 2003, p. 10-31
– WOHNOUT, Helmut, A Chancellorial Dictatorship with a “Corporative” Pretext: the Austrian Constitution between 1934 and 1938, in: BISCHOF Günter, PELINKA Anton, LASSNER Alexander (editors), The Dollfuss/Schuschnigg era in Austria: a reassessment, ed. Transaction Publishers, New Brunswick 2003, p. 143-162
– ZAHN, Gordon C., Vocation of Peace, ed. Wipf and Stock Publishers, Eugene 1992, p. 137

Tommaso Bisoffi

DOMANDE E (ALTRE) RISPOSTE

Nelle terre peruviane

 FacciamoSL276416 un passo indietro, non per chiamarci fuori, ma per acquisire la giusta distanza per poter osservare. Vi ho introdotto, seppur troppo sinteticamente, nella realtà delle periferie Limeñe, ora però voglio fermarmi a riflettere.

Andare e tornare, più volte, portandosi dietro e dentro tutto, spesso crea il meccanismo – che non ho ancora capito se è giusto o sbagliato – di fare paragoni: questa realtà con quella realtà. Per uscire mezza sana da questo labirinto formato da tortuosi “perché” e “come”, sono arrivata a dire che un realtà non può essere paragonabile ad un’altra così distante.

Però non mi convinco, quindi, grazie anche al mio lavoro da educatrice a stretto contatto con l’umanità, ogni spunto è buono per tirare fuori le mie riflessioni.

Per esempio, ho potuto notare che la popolazione peruviana (ogni generalizzazione è sbagliata, ma vi sono tratti culturali preponderanti) ha una capacità di far fronte alle difficoltà e alle sofferenze in modo totalmente diverso dal nostro. Prima di tutto c’è da dire che i disagi, le difficoltà e i sacrifici sono all’ordine del giorno e forse è proprio questa impegnativa quotidianità che porta a far fronte con naturalezza alla sofferenza. Certo, anche qui abbiamo difficoltà, ma là sono amplificate alla massima potenza: può una mamma impiegare delle ore di cammino per portare ad una visita medica i suoi figli? Farsi centinaia di scalini per portare a casa la spesa? Un infermiere andare al lavoro con gli stivali da pesca nella stagione piovosa per mantenere candida la sua divisa bianca senza macchie di fango? Può una bambina accudire tutti i giorni la sorella allettata, che non parla, senza arti, vivendo sulla punta della collina dove i medici non vogliono arrivare e da dove non c’è la possibilità di scendere, mentre la madre lavora per recuperare un po’ di riso? Può un padre di una splendida famiglia, professore universitario, così come sua moglie, con due meravigliose bambine che vivono in un buon quartiere di Lima, dover sperare in un miracolo o in un aiuto dall’estero perché si curi la sua leucemia, sapendo che nel suo Paese non esiste una lista di donanti?

Forse, tutte queste condizioni, portano ad un’ accettazione della realtà che rende consapevoli che non tutto si può tenere sotto controllo, e mentre noi scalciamo, ci disperiamo, cerchiamo modi per aggirare le difficoltà, c’è chi umilmente comprende che l’uomo, in fondo, non può tutto, e lascia l’ultima parola a Dio.

E la vita lì va avanti, tra fatiche, pianti, sorrisi e ringraziamenti, sviluppando quella capacità che ormai sarà diventato un gene, il gene della resilienza, che tira fuori ciò che esiste di positivo in mezzo ai “traumi” quotidiani: mi piego ma non mi spezzo.

Se mai vi capiterà di passare per queste periferie, provate ad IMG_0360immergervi e azzerare i vostri preconcetti e vedrete che saper stare nella normalità ferita è il primo passo per poter aiutare voi stessi e anche gli altri.

Poi, tornati a casa, le radici dalle quali provenite vi richiameranno e potreste essere infastiditi da chi vi ferma in piazza ogni cinque metri per chiedervi una moneta o da chi frequenta le sale d’attesa della vostra stazione di notte e così via…

Proprio in questo momento saremo chiamati a scegliere se far vivere o morire tutto ciò che abbiamo vissuto in quell’altra terra, o se è stato solo un’esperienza estera ed estranea; ce ne renderemo conto quando cercheremo una risposta diversa da quella che avremmo dato prima, o diversa da quella della maggioranza intorno a te.

 

 

 

Noi siamo scemi ma fa lo stesso

copertina

“Un anno sull’Altipiano” di Emilio Lussu e l’Italia di oggi connessi in un fumetto tra 1916 e 2016, pag.17

17Il livello di disinformazione attualmente presente nei nostri giornali rasenta quello della propaganda ai tempi della grande guerra dei nostri bisnonni. L’Italia è attualmente in una posizione molto critica nelle classifiche di Reporters sans Frontiers, ma evidentemente ci abbiamo fatto un buon callo. Del resto, quand’è che i pupazzetti di Bozzetto cantavano “noi siamo il simbolo del progresso, noi siamo scemi ma fa lo stesso?” E dire che guardavano Carosello e non c’erano ancora tutti quei canali televisivi che ci sorbiamo ora quando torniamo a casa per accendere la tv. Se un giorno decidessimo di spegnerla, potremmo ascoltare di più quella nostra cattiva coscienza: se fossero ancora vivi, i ragazzi de La Rosa Bianca ce lo suggerirebbero fino a farci fischiare le orecchie. La coscienza ci disturba inopportunamente chiedendoci di informarci oltre il video colorato e musicale o l’articolo di giornale. Internet permetterebbe di farsi un’opinione leggendo svariati punti di vista e facendo una bella comparazione tra le fonti, ma bisogna anche avere voglia e tempo per mettersi lì a cercarle. La voglia ce l’abbiamo per diventare allenatori della nazionale e in fondo non c’è niente di male. Però quando parliamo dei beni comuni che vanno al di là del prossimo scudetto sarebbe importante capire come stanno andando le cose nella nostra città,nel nostro quartiere, cosa sta succedendo in Europa e in questo pianeta.. Interessarsi dei beni comuni è una delle prime forme di cittadinanza attiva; leggere è una delle prime forme di resistenza. Se però non proviamo ad armarci di occhiali non vedremo mai oltre il palmo del nostro naso e quando cadremo potremo prendercela solo con noi stessi.

Per un futuro migliore

Libera nos a mafia: la storia di Lea Garofalo

Lea Garofalo è nata il 24 aprile 1974 a Petilia Policastro, in provincia di Crotone, da una famiglia ‘ndranghetista. Suo fratello Floriano era a capo del clan, e il compa-gno di Lea, Carlo Cosco, era un suo sottoposto. Ma Lea aveva un animo ribelle, e amava pensare con la sua testa. Nel 1991 nasce la figlia Denise, e Lea è sempre più convinta a tagliare i legami con l’ambiente mafioso, per dare alla figlia un futuro diverso da quello nel quale lei era stata immersa fin da piccola. Intanto, per seguire il compagno, si trasferì a Milano, dove un blitz dei Carabinieri portò dietro le sbarre il fratello Floriano, boss di Petilia Policastro. Dal 2002 Lea venne inserita nel programma di protezione per i testimoni di giustizia, perché aveva riferito all’autorità giudiziaria quello che sapeva sul mondo mafioso da lei visto in prima persona. Lea_GarofaloNel 2009 le venne revocato il programma di protezione, perché, a detta delle auto-rità, non c’erano stati sufficienti riscontri per la sua testimonianza. Carlo Cosco non aveva però intenzione di lasciare impunito lo sgarro che la sua ex compagna aveva osato commettere. La invita a Milano con la figlia Denise, con la scusa di voler parlare del futuro del-la figlia. E lei a Milano ci va, nonostante in molti la mettano in guardia sui pericoli che cor-re; perché è l’amore per la figlia Denise che l’ha sempre guidata nella sua vita, e lo farà anche questa volta. Da Milano, però, Lea Garofalo non tornerà mai. Era il 24 novembre 2009 quando venne strangolata e bruciata per ordine proprio di Carlo Cosco. Lo stesso che poi an-drà a denunciarne la scomparsa in commissariato insieme a Denise, insinuando fin da subito che Lea si fosse allontanata volontariamente. La figlia però non ha mai credu-to per un attimo che la madre si fosse potuta allontanare senza dirle niente, dopo tutto quello che aveva sempre fatto e dato per lei. Nel 2011 ha inizio il processo per l’omicidio di Lea, e la figlia Denise decide di costituirsi parte civile contro il padre e altri 5 imputati, tra cui anche il suo fidanzato dell’epoca, Carmine Venturino, che si scoprì essere nient’altro che uno strumento a-dottato dal padre per controllare la figlia ed evitare che tenesse lo stesso comporta-mento della madre. Fu proprio grazie alla collaborazione di quest’ultimo che vennero a galla le dinamiche dell’omicidio, e quello che rimaneva del corpo di Lea. Dopo tali avvenimenti Carlo Cosco, che fino a quel momento si proclamava innocente, dichiara in aula la sua colpevolezza. Il processo si conclude definitivamente nel 2014 con la condanna all’ergastolo per quattro dei sei imputati e a 25 anni di reclusione per Car-mine Venturino. Ma non si può dire che la sentenza abbia fatto piena giustizia, perché Lea non c’è più. È compito nostro ricordare la storia di questa madre coraggiosa, che fu anche la prima donna ad essersi ribellata alla stretta della ‘ndrangheta; la sua storia ci deve es-sere d’insegnamento, e non deve mai smettere di far emergere in noi un sentimento di rabbia e rancore per quello che non è stato fatto, e che invece doveva e poteva esser fatto. Insomma, deve essere un monito di quello che accade quando si lascia inascoltata una richiesta di aiuto. Solo così giustizia per Lea Garofalo sarà fatta!

Elena Scalcon